RSS

M – N – O

Tutti i giudizi sono prettamente soggettivi!

M

mentre vi guardo Madre Ignazia Angelini – Mentre vi guardo (8/10) – Momenti di vera apertura verso l’esterno la portano a trattare temi molto cari ai laici che tutti i giorni si confrontano con la quotidianità e le proprie fragilità. A questi sono affiancati argomentazioni più teologiche e di fede. Molto interessante a volte, scontato altre.

 Madre Teresa – Il cammino semplice (9/10) – Una donna, un’icona del Bene assoluto! La generosità che l’ha caratterizzata seconda solo all’insaziabile fede per Dio. Un viaggio insieme a Lei, per capirne la sincerità e la fede profonda.

ditelo a sofia Magda Szabò – Ditelo a Sofia (9/10) – Lettura prolissa, molto simile per gli intrecci alla letteratura russa da cui si discosta poco essendo, la vicenda intera, ambientata in Ungheria. La storia è intrigante, all’inizio appare un po’ pesante ma poi migliora dalla metà in poi. Ricchissima di descrizioni conduce il libro ad arrivare a quasi 400 pagine non semplici per tutti. Lo consiglio a chi ama letture un po’ più complesse, non di certo chi legge un libro un po’ più lungo delle 150/200 pagine per la prima volta proprio per la complessità dell’intreccio e della scrittura prolissa. Tutto sommato, comunque, un bel libro.

 Marc Levy – Se solo fosse vero (9/10) – Un romanzo che ricordo con affetto! La storia di due persone legate da una casa.. Lei da parecchio tempo in coma in ospedale, lui nuovo affittuario della casa da lei lasciata libera. Lui che vive la sua vita, lo spirito di lei che torna come ogni giorno nella sua casa. Un incontro. Profondo amore.. non troppo sdolcinato. Originale!

 Marcello D’Orta – Io speriamo che me la cavo (7/10) – Una classe nel meridione. Le loro riflessioni raccolte sotto forma di temi in questo testo, con l’italiano che scarseggia e la verità della vita che viene a galla. Carino, non eccezionale!

 Margaret Mazzantini  – Non ti muovere (10/10) – Un libro commovente.. un padre che si racconta alla figlia che dal letto d’ospedale spera la possa sentire, spera possa sentire la sua storia di marito infedele! Una dichiarazione quando pensa di aver perso la cosa più importante. Molto bello! Commovente e inteso.

la bambina perduta Maria Venturi – La bambina perduta (9/10) –  Un libro toccante per alcuni versi. Interessante il rapporto madre-figlia che poteva essere meglio esteso verso la fine come anche quello con il marito affinchè si vedesse la risalita della protagonista. Lo consiglio, corto e di facile lettura, va bene per tutti ma parlando comunque di abuso meglio avere uno stomaco discreto!

 Marilena Dellavalle – Le radici del servizio sociale in Italia (9/10) – Il ruolo delle donne soprattutto come artefici della nascita del servizio sociale, loro che all’inizio portavano aiuto ai militari feriti. Fino a crescere per creare una professione vera e propria e dei professionisti veri e propri: gli assistenti sociali. Utile come testo universitaria ma lo proferisco come lettura personale.

 Marilù S. Manzini – Io non chiedo permesso (10/10) – Gli eccessi dei ragazzi ricchi che non sanno più come divertirsi.. ma trovano un gioco che li attrae molto: la vita. Giocare con la vita fino quasi a perderla. Non solo droga e sesso, ma crudeltà e violenza puri. Un libro crudo.

 Mark Twain  – Le avventure di Tom Sawyer (10/10) – Un affetto profondo mi lega a questo libro, che mi fu regalato tanti anni fa e che lessi tante volte. Forse le avventure di quel ragazzino un po’ spavaldo e pronto ad alzare le mani mi facevano sognare avventure fantastiche. Chi lo sa! Adatto comunque come regalo a qualsiasi adolescente!

 Massimo Gramellini – Fai bei sogni (9/10) – L’ultimo romanzo del giornalista Massimo Gramellini. Bella storia, bell’intreccio, la lettura è scorrevole e anche lui scrive piuttosto bene. Ricordiamo che è un giornalista che si sta avvicinando alla scrittura romanzata ma nonostante questo non mi sento di screditarlo perché ha ancora della strada da fare. Soddisfatta di aver letto la sua storia e i suoi tormenti di figlio abbandonato.

Mi aveva voluto bene. Più della mamma. Perché papà era rimasto. E c’è sempre più amore in chi rimane che in chi se ne va.

 Massimo Gramellini – L’ultima riga delle favole (9/10) – Con questa favola moderna che offre un messaggio e un massaggio di speranza, Massimo Gramellini si propone di rispondere alle domande che ci ossessionano fin dall’infanzia. Quale sia il senso del dolore. Se esista, e chi sia davvero, l’anima gemella. E in che modo la nostra vita di ogni giorno sia trasformabile dai sogni. Al protagonista tocca, infatti, un viaggio alle “Terme dell’anima” per poterla purificare, tramite delle prove, dai dubbi che gli riempiono la testa e il cuore. Bello, ma mi aspettavo pochino di più da Gramellini, in ogni caso una bella lettura!

 Massimo Picasso  – Il gemello di Dio (6/10) – La trama sarebbe potuta anche essere interessante se non fosse stata tirata fino alla nausea.. l’idea era originale ma il tutto si è disperso in una blasfemia totale. Assolutamente sconsigliato per la lettura noiosa e la blasfemia del testo.

 Massimo Polidoro – Marta che aspetta l’alba (9/10) – Ottima testimonianza di ciò che accadeva nei manicomi prima dell’arrivo e della legge Basaglia. Toccante la rievocazione degli anni in cui Mariuccia sceglie di iniziare a lavorare come infermiera all’ospedale psichiatrico, meglio manicomio, San Giovanni di Trieste, dove incontra la disumanità, la mancanza totale di rispetto verso il malato e spesso anche verso le stesse infermiere da parte delle responsabili, delle kapò. E Mariuccia incontrerà Marta, rinchiusa in manicomio perché fastidiosa, perché troppo coraggiosa, caratteristica che poco coincideva con la mentalità chiusa degli anni Sessanta e Settanta. Lo consiglio vivamente anche se la storia assomiglia moltissimo al film “C’era una volta la città dei matti” della Rai.

 Maurizio Ferraris  – Goodbye Kant! (5/10) – Adatto per chi Kant lo deve studiare per farci, per esempio, una tesi.. altrimenti, lasciate stare!! A meno che non amiate la filosofia fino a diventare masochisti! Profondamente deludente per chi non ama totalmente la materia!

 Melissa P. – Cento colpi di spazzola prima di andare a dormire (9/10) – La scoperta di una sedicenne del potere del corpo, del sesso e delle bugie. La ricerca costante d’amore che avviene sempre attraverso l’uso del fisico.. mai del cuore. Storia ricca di delusioni, di tradimenti. Azioni banali che trasmettono importanti messaggi di speranza, di comprensione.. di desiderio che almeno qualcosa abbia un senso.

 Melissa P. – L’odore del tuo respiro (6/10) – “Ho disegnato, ma non ero capace di colorare senza sbavare lungo i bordi. Ho comprato una chitarra, ma avevo paura che le corde mi tagliassero le dita. Ho scritto e qualcosa dentro di me si è mosso. Ho scritto, ho scritto, ho scritto tanto, e poi sono diventata famosa. E quella cosa che avevo liberato è ritornata indietro e mi ha invasa. Uccidendomi.”.. il tipico libro che non mi lascia nulla.. tant’è che lo ricordo a mala pena.. non lo consiglio!

 Melvin Burgess – Lady (7/10) – Un testo apprezzabile benché ricordo che non mi fece impazzire quando lo lessi. La storia è quella di una ragazza che si trasforma in un cane.. per poi scoprire come fare a tornare alla propria vita di sempre. Più adatto per gli adolescenti che per gli adulti.

 Muriel Barbery – L’eleganza del riccio (10/10) – Una ragazzina che vuole morire, una portinaia coltissima, un uomo trasferitosi da poco nel palazzo lussuosissimo. Tre persone che si danno molto l’uno all’altro. Tutti e tre con un grande bisogno di amare e di essere amati, ognuno a modo proprio. Mi è piaciuto moltissimo!

N

 Niccolò Ammaniti – Come Dio comanda (10/10) – L’amore di un padre verso il figlio. Un’amore che non sempre si riesce a dimostrare.. e l’amicizia di tre uomini, nella buona e nella cattiva sorte. La violenza, l’antisemitismo, la collera verso un mondo che non migliora per i protagonisti di Ammaniti. La decisione di cambiarla loro la vita.. ma a che prezzo? Il tema dell’amore paterno e dell’amicizia come sfondo perenne. Mi è piaciuto molto.. Bello!!

 Niccolò Ammaniti – Il momento è delicato (9/10) – Un po’ angosciante all’inizio diventa più piacevole andando avanti. Sono una serie di racconti che a malincuore a volte hanno una fine non detta per cui il lettore può pensare ciò che vuole. Lo consiglio a metà.. preferisco i romanzi di Ammaniti rispetto ai racconti, tolto poi che alcuni racconti potrebbero essere dei bei romanzi se ampliati.

 Niccolò Ammaniti – Io e te (9/10) – Libro breve in cui si incontrano due grandi sofferenze, o due grandi dipendenze, quella di Lorenzo che per essere lasciato in pace si crea un personaggio che rispecchia le aspettative della famiglia e della società in cui vive e quella di Olivia che con un pessimo rapporto con la famiglia, trova rifugio nella cantina in cui lo stesso Lorenzo si era nascosto, per scappare dalla dipendenza che la tiene legata alla droga. Una comprensione reciproca e due promesse, mai rispettate!

 Niccolò Ammaniti – Io non ho paura (10/10) – La storia di un ragazzino sequestrato per ricevere il compenso. L’amicizia con il figlio di uno dei sequestratori. La fuga verso la libertà. Il libro che tutti hanno letto, a scuola o per diletto. E il film che tutti hanno visto almeno una volta. Un libro che è stato il trampolino di lancio di Ammaniti.

ti mando un bacio Niccolò Zancan – Ti mando un bacio (7/10) – La scrittura semplice rende il romanzo scorrevole. Le storie sono piacevoli ma la superficialità con cui vengono trattate e i finali semi incompleti sono tratti che mi lasciano perplessa. Credo che ci sia molto potenziale in lui come scrittore, deve ancora crescere e d’altronde è il suo primo romanzo.

 Nick Hornby – Tutto per una ragazza (9/10) – Trovarsi adolescente con una ragazza che da un giorno all’altro ti dice che è incinta. La storia di una coppia che deve vivere le vicissitudini di divenire genitori troppo presto. Possibile che non sia un sogno? Molto bello! Mi è piaciuto molto.

 Nomberto Bobbio– L’età dei diritti (9/10) – Diritti dell’uomo, democrazia e pace sono tre momenti necessari dello stesso movimento storico; senza diritti dell’uomo riconosciuti o protetti non c’č democrazia; senza democrazia non ci sono le condizioni minime per la soluzione pacifica dei conflitti. Con altre parole, la democrazia č la societŕ dei cittadini, e i sudditi diventano cittadini quando vengono loro riconosciuti alcuni diritti fondamentali; ci sarŕ pace stabile, una pace che non ha la guerra come alternativa, solo quando vi saranno cittadini non piú di questo o quello stato, ma del mondo. (da Google Libri)

O

 Omero -Odissea (9/10) -Come la Divina Commedia, L’Iliade e I promessi Sposi.. un altro poema epico che ci è stato propagato dai banchi scolastici, parafrasi e analisi del testo. Ma quando leggeremo questi bei poemi per il piacere di farlo?

 Oriana Fallaci – Niente e così sia (10/10) – Una meravigliosa Oriana Fallaci in guerra, i racconti dei viaggi, degli spostamenti, degli attacchi e del rischio di morire. Uno dei libri più belli che abbia mai letto!!! Lo consiglio veramente a tutti!

 Oscar Wilde  – Il ritrattodi Dorian Gray (10/10) – Un patto con il diavolo per rimanere per sempre giovane.. e una serie di reati connessi per difendere il proprio segreto. La ricerca della giovinezza, dell’elisir di lunga vita che tutti vorrebbero..anche nella vita attuale. Uno stupendo romanzo formativo!

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: