RSS

G – H – I

Tutti i giudizi sono prettamente soggettivi!

G

 Gabriella Biader – 50 domande a Dio (9/10) – Ottimo da usare per un percorso formativo come il catechismo o l’oratorio. Domande di bambini e ragazzi a cui vengono accompagnate risposte in coerenza alla fede cattolica ma mai in modo moralistico.

 Geminello Preterossi – Potere (10/10) – Un testo acquistato per un esame universitario, si è rilevato molto bello perché unisce i vari pensieri sul potere dei più importanti filosofi e politici. L’ho letto con piacere anche se poi ho dovuto studiarlo anche! Comunque piacevole.

 George Bernard Shaw – Pigmalion (inglese) (10/10) – Il mio testo teatrale preferito per eccellenza. Sorprendente la scommessa che i due uomini fanno sulla ragazza. Tentare di rendere una povera fioraia, una ragazza umile in una borghese. Mi è veramente piaciuto moltissimo! Consigliatissimo!

 George Orwell  – 1984 (10/10) – Un testo che posso definire fra i migliori che abbia letto. La sua particolarità è l’attualità che mantiene indipendentemente dal momento, dall’anno in cui lo leggi. Mi è subito piaciuto per la cruda realtà che trasmette. L’intera società è veramente soggetta al grande occhio che tutto vede, che tutti spia. Straordinario. Dovrebbero leggerlo tutti.

ilbordovertiginosodellecose Gianrico Carofiglio – Il bordo vertiginoso delle cose (8/10) – Non il migliore di Carofiglio che ho letto. Sicuramente tocca temi esistenziali non di poco conto ma i finali aperti non mi hanno mai entusiasmato, mi sembra di aver lasciato il protagonista là dov’era mentre nel libro fa un percorso per ritrovare un pezzo della storia.. e allora perché non dirci quelle due notizie in più che personalmente mi fanno anche piacere per avere una conclusione? Bho..

 Gianrico Carofiglio – Il passato è una terra straniera (9/10) – Testo scorrevole, la storia l’ho trovata interessante e mi è piaciuta molta. Non il migliore di Carofiglio mi auguro perché anche se mi è piaciuto e lo consiglio per una lettura non troppo impegnativa, penso possa migliorare ancora!

 Gianrico Carofiglio – Il silenzio dell’onda (10/10) – Il più bello che ho letto di Carofiglio! Mi è piaciuto molto, la lettura è scorrevole e la storia interessante. Si percepisce il dolore di Roberto e quello di Giacomo, entrambi sofferenti per l’assenza del padre. I protagonisti sono Roberto, un carabiniere in congedo per motivi di salute dati dal suo lavoro sotto copertura e da un amore impossibile, e Giacomo, ragazzino intelligente che scopre che una compagna è in un guaio più grande di lei! La bellezza di questi personaggi è che ti vien voglia di andarli a conoscere! Lo consiglio vivamente!

 Gianrico Carofiglio – Ragionevoli dubbi (9/10) – Di facile lettura e comprensione. La storia è carina, la narrazione è molto colloquiale. Non eccelso ma gradevole da leggere.

 Giorgio Bassani – Gli occhiali d’oro (10/10) – Lo ricordo con affetto anche se dovrei rileggerlo per ri-apprezzarlo come merita. Il tema dell’omosessualità come sinonimo di emarginazione e discriminazione soprattutto se pensata negli anni dell’avvento del fascismo.

 Giovanni Verga – I malavoglia; Mastro-Don Gesualdo; Storia di una  capinera (9/10) – Tre classici di Verga. Tutti molto belli ma soprattutto “Storia di una capinera” da cui è tratto l’omonimo film! Da leggere!!

 Giovanni Verga – La lupa e altre novelle (8/10)

 Giulia Carcasi – Ma le stelle quante sono (10/10) – Il libro parla di una generazione fatta di sms, gavettoni, crepe alla nutella, professori frustrati; ma c’ è anche la voglia di essere ascoltati e di giudicare la vita, gli adulti, l’ ingiustizia. Ci sono Carlo e Alice: stessa classe e a volte stesso banco. Lui è una persona imbranata, senza modelli da incarnare, senza maschere. Lei si sente diversa, non omologata, è uno spirito critico ma allo stesso tempo sognatrice. Il loro cuore è ancora poco addetstrato, bravissimo a sbagliare. E così Alice casca tra le braccia di Giorgio, misterioso e intrigante. Carlo si lascia sedurre da Ludovica, la classica ragazza facile che sa il fatto suo. (Studenti.it).. molto bello! Rimane molto impresso se viene letto in età adolescenziale perché il lettore può immedesimarsi in Alice o in Carlo! La lettura è scorrevole, piacevole.. e il libro è fatto da una parte raccontata da Alice e una parte da Carlo!

 Giuseppe Berto – La Gloria (7/10) – La voce narrante è quella di Giuda Iscariota che racconta come lui, primo dei seguaci ma ultimo dei discepoli, seguisse Gesù perché cosciente di giocare un ruolo predeterminato affinché si compisse la volontà di Dio, per cui sarebbe stato nei secoli ricordato come il traditore per 30 miseri denari. La lettura è abbastanza scorrevole, ci sono delle ripetizioni che rendono alcune parti un po’ noiose. A livello religioso ci sono delle caratteristiche di personaggi che si discostano parecchio da come i Vangeli li trasportano, ciò potrebbe risultare originale se non si cadesse spesso in blasfemie che si sarebbero potute, secondo me, evitare.

 Giuseppe Monticciolo – Era il figlio di un pentito (10/10) – La storia del piccolo Matteo e di come la mafia perde il suo onore nel momento in cui uccide un bambino. E nel modo più tremendo.. l’acido! Affascinante e tremendo, l’inferno dei giorni del sequestro raccontati da chi in quel momento c’era e non ha fatto nulla per salvare il piccolo Matteo la cui unica colpa era essere il figlio di un pentito! Tremendo! Da leggere per non dimenticare!

 Goethe – I dolori del giovane Werther (9/10) – Uno dei testi che si incontrano a scuola.. ottima forma epistolare! Werther e l’amore per Carlotta.. un amore che non ha un destino felice.. Assolutamente da leggere in età adolescenziale per comprendere la forma e il contenuto! Adatto anche ad adulti ma la maggior parte dovrebbero già averlo letto..

 Goldoni – La locandiera (9/10) – Il ruolo della donna, quella donna seduttrice che non si dona mai. Ma che alla fine viene a sua volta ingannata. Una bellissima immagine quella della locandiera che incontra tanti uomini di passaggio che vorrebbero sedurla ma a cui lei non si dona. A volte in alcune rappresentazioni teatrali ho percepito anche una nota di disprezzo per questa donna frizzante, ingannatrice e un po’ snob che ama farsi desiderare, ma questo non traspare, per fortuna, dalla lettura del testo.

 Greg Behrendu, Liz Tuccillo – La verità è che non gli piaci abbastanza (8/10) – Se lui non ti chiama, se lui non ti sposa, se lui non ti dice mai ti amo.. non farti illusioni.. la verità è che non gli piaci abbastanza! Un elenco di scuse, di giustificazioni, di seghe mentali per non ammettere che se il nostro lui/lei non fa determinate cose è perché non gli piacciamo abbastanza. Carino, non eccezionale di certo!

2013-12-26 23.45.36-1 Gustave Flaubert – Madame Bovary (9/10) – Un classico che sicuramente in molti hanno letto ma altrettanti conoscono solo per nome come era per me… che dire? La storia di un uomo che sposa una donna di cui è profondamente innamorato ma che lo porterà alla rovina perché alla continua ricerca della passione, dell’amore inebriante che ti fa impazzire, della lussuria, di uno status.. se non che dimenticarsi di tutto quello che già le apparteneva che non era poco, eppure non bastava mai.. ben scritto ma allo stesso tempo prolisso, ricco di dettagli, fin troppi a volte e sicuramente capace di far comprendere bene i desideri, le passioni e i pensieri dei personaggi..

H

eravamo giovani in vietnam  Eravamo giovani in Vietnam – H.G. Moore e J.L. Galloway (8/10) – Ho letto le prime cento pagine e i postumi, la lettura non era brutta ma troppo tecnica per una profana delle tattiche di guerra come me. Il libro è davvero degno di nota in realtà ma non lo consiglierei a tutti nonostante tutto.

 Helen Walsh – Senza pudore (9/10) – La giovanissima figlia di un professore universitario e una prostituta adolescente che fanno sesso orale su una lapide. Cosí inizia Senza pudore, il romanzo che ha scioccato i lettori inglesi con la storia di Millie, di giorno annoiata studentessa della middle class, di notte inquieta predatrice che si aggira per le strade di Liverpool a caccia di ragazzine, prostitute e uomini poco raccomandabili. Due voci si alternano in questa discesa agli inferi. La prima, lirica appassionata coinvolgente, è quella di Millie, l’altra, sanguigna e piena di buon senso, è di Jamie, suo grande amico e compagno di bagordi. Il loro rapporto entra in crisi quando lui decide di sposarsi e lei, nel tentativo di capire cosa li lega veramente, compie un viaggio interiore nel corso del quale farà i conti con i propri desideri, con l’amicizia fra uomo e donna, con una famiglia ben diversa da quello che credeva. Ma è l’incontro con il sesso estremo e morboso a farle capire quanto la sua sia una corsa verso l’autodistruzione. Con un’unica possibilità di frenata finale. Prendere o lasciare. (Qlibri).. anche questo prettamente sessuale, può risultare ugualmente interessante se letto con occhio più critico!

heike riprende a respirare Helga Schneider – Heike riprende a respirare (9/10) – Adatto ai ragazzi delle scuole medie o biennio delle superiori. La scrittura è fluida, la storia ti prende ma scontata come anche il finale. Sicuramente ci sono molti sentimenti e molte emozioni di un istante in gioco mentre il contesto così lontano ormai dai giorni nostri ci riporta al primo dopoguerra di una Berlino da ricostruire come anche le vite delle tante famiglie che la guerra ha separato, spesso per sempre. Educativo per giovani studenti che affrontano l’argomento.

I

 Ibsen – Casa di bambola (9/10) – La storia di un uomo e di una donna. La storia di un marito e di una moglie. La storia di un burattinaio e della sua bambola. Finché non succede qualcosa che fa ricordare alla bambola di essere una donna. Ricco di verità trasmette il valore della donna, anche quello che a volte viene dimenticato.

 Irvine Welsh  – Trainspotting (9/10) – Viene descritta la vita ai limiti della legalità di un gruppo di giovani edimburghesi di periferia, ognuno delle quali ha una propria dipendenza: si va dall’eroina di Spud, Sick Boy e Renton alla violenza insensata di Begbie. Renton, il personaggio principale del racconto, dopo numerosi tentativi falliti di disintossicazione, vedendo molti suoi amici morire per l’AIDS cerca di rifarsi una vita a Londra, dove ha varie conoscenze ed un giro di affari basato sulle truffe all’ufficio di collocamento. È però costretto a tornare a Leith per assistere al funerale del suo amico Matty. In seguito, tornato a Londra per vivere con Kelly, abbandona di nuovo la capitale perché si sente risucchiato dal vortice della monotonia. Tornato a casa, visita tutti i vecchi amici, finché non gli viene proposto la grande occasione: vendere 2 kg di eroina a Londra. Ma quando il colpo è stato fatto e sono state incassate 16.000 sterline, Renton decide di tradire i suoi amici ed allontanarsi con tutti i soldi verso l’Olanda, che conosce avendo un tempo lavorato come steward. (wikipedia).. gusti direi! Può piacere e può non piacere!

 Italo Calvino – Il cavaliere inesistente (10/10) – Un classico della letteratura italiana letto alle scuole superiori. Mi era piaciuto molto.

 Italo Svevo  – La coscienza di Zeno (10/10) – Un dottore che consiglia di scrivere come terapia per poi pubblicare le memorie del suo paziente. Profondamente attuale se ci riflettiamo.. Zeno che si crede malato, mentre malata è la società che lo circonda. Bello!!

Annunci
 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: