RSS

Il giorno in più – Fabio Volo

27 Gen
” Ti ricordi che l’altro giorno abbiamo parlato del fatto che quando vuoi viverti una persona senza legami questa s’innamora, e se invece ci stai bene e glielo dici scappa?”
“Certo che me lo ricordo. Il problema del secolo.”
“Ti ricordi che hai detto anche che spesso ti censuri, perché se ti lasci andare finisce che magari fraintendono?”
“Certo che me lo ricordo.”
“Beh, io sono stata molto bene con te ieri sera, anzi, sono stata molto bene con te da sempre. Per assurdo, ancora prima di conoscerti, quando ci incontravamo sul tram.”
“Vale anche per me.”
“Allora vorrei farti una proposta.”
“Mi devo preoccupare?”
“No, è una cavolata, è un gioco. Ti piace giocare?”
“Si… insomma, dipende.”
“Quanti giorni ti fermi qui a New York?”
“Più o meno ancora nove giorni.”
“Allora, per evitare che uno si censuri o che si spaventi per le attenzioni dell’altro, io avrei pensato ad una cosa.”
“Dai, spara.”
“Fidanziamoci.”
“Come fidanziamoci?”
“Per il tempo che rimani. La mia proposta è che ci fidanziamo e, comunque vada, tra nove giorni ci lasciamo. Un fidanzamento a termine. Con la scadenza scritta bene in grande sopra la confezione.”
“Un fidanzamento a termine?”
“Si, ci fidanziamo, ma decidiamo già adesso che ci lasceremo, vada come vada. Tu rimani qui a New York ancora per qualche giorno. Ci prendiamo cura l’uno dell’altra, facciamo tutto ciò che ci sentiamo di fare e allo scadere del nono giorno ci lasciamo. Così è impossibile fraintendere. Hai detto che ti piacerebbe amare una persona, lasciarti andare, regalare fiori, scrivere poesie e tutto il resto, ma non lo fai perché hai paura di coinvolgerla e poi di cambiare idea… Io quelle cose, se tu desideri darmele, le voglio. e se desidero dartele voglio poterlo fare. Visto che ci siamo e ci troviamo bene, perché prendersi solo delle cene e delle scopate? Lasciamo aperta ogni possibilità di esprimerci. E’ un gioco stupido, lo so, però magari è divertente, chi può saperlo? Ti sei mai messo con una persona sapendo già la data di scadenza? Non è scopare e basta, non è ti amerò per sempre, è un terzo modo di stare insieme. Che ne dici? Proviamo, che cosa abbiamo da perdere? Piuttosto che diventare dei semplici trombamici… Noi non dobbiamo costruire un rapporto ma viverlo, nelle reciproche libertà. Proviamo a vedere se funziona, se riusciamo a bastarci e a prenderci in questo modo tutto quel che possiamo darci. Mi è venuta questa idea perché credo di aver visto qualcosa che ci rende simili. Un territorio familiare da vivere, da esplorare. Qualcosa che appartiene ad entrambi. Sarebbe un peccato perderlo. E’ sempre emozionante incontrare un proprio simile. Per me, da quello che ho intuito tu lo sei. Con te ho sentito la scintillanza.”
“Cos’è la scintillanza?”
“La sintonia con una persona. L’affinità elettiva. Ciò che con alcune persone non riesci ad avere nemmeno dopo anni.”
Annunci
 
Lascia un commento

Pubblicato da su 27 gennaio 2012 in Amore, LibriItaliani, VitaVera

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: